Salta al contenuto principale

Si informa che a seguito della sentenza della Corte Costituzionale 129 del 28.05.2019 e sulla base di quanto disposto dall’art. 214, comma 6, del D.Lgs. 152/2006 e s. m. e i. e dagli artt. 1 e 3 del D.M. Ambiente 350 del 21.7.1998, le imprese iscritte nel Registro Provinciale delle ditte che svolgono attività di recupero rifiuti devono versare entro il 30 aprile p.v. e secondo la propria classe di attività, la quota indicata nel seguente prospetto:

Classe attività Quantità annua di rifiuti Importo da versare
Classe 1 Superiore o uguale a 200.000 tonnellate € 774,69
Classe 2 Superiore o uguale a 60.000 tonnellate e inferiore a 200.000 tonnellate € 490,63
Classe 3 Superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate € 387,34
Classe 4 Superiore o uguale a 6.000 tonnellate e inferiore a 15.000 tonnellate € 258,23
Classe 5 Superiore o uguale a 3.000 tonnellate e inferiore a 6.000 tonnellate € 103,29
Classe 6 Inferiore a 3.000 tonnellate € 51,65

Si precisa che le ditte dovranno effettuare un versamento del diritto per singola iscrizione al Registro Provinciale sopra citato.

Il versamento dovrà essere effettuato esclusivamente tramite PagoPA, accessibile dal presente link

Indicando come causale “Recupero rifiuti – attività……….” (indicare il codice di attività da R1 a R13).
Si ricorda inoltre che il mancato versamento nei termini previsti comporta la sospensione automatica dell’iscrizione.