Regolamento per la disciplina del Lavoro Agile (Smart Working)

Ultimo aggiornamento:23 Novembre, 2022

Area di attività
Argomenti

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL LAVORO AGILE

(SMART WORKING)

 

 

 

INDICE

 

 

Articolo1-Oggetto

Articolo2 -Definizioni Articolo3 -Obiettivi

Articolo4 -Destinatari Articolo5 -Procedure

Articolo6 -Modalità di svolgimento della prestazionelavorativa Articolo7 -Trattamento giuridico eeconomico

Articolo8 -Strumenti e sicurezza dei dati Articolo9 -Sicurezza sullavoro

Articolo10 -Valutazione della performance Articolo11 -Recesso

Articolo12 -Monitoraggio Articolo13 -Formazione

Articolo14 -Entrata in vigore e normefinali

 

 

Articolo 1

Oggetto

  1. Il presente Regolamento disciplina l’applicazione del lavoro agile al personale della Provincia di Pistoia, in attuazione di quanto previsto dalla normativa vigente in materia e dai relativi indirizzi interpretativi del Ministero per la Pubblica Amministrazione, nel rispetto della autonomia organizzativa e regolamentare riconosciuta agli entilocali.

  2. L’accessoallavoroagileèconsentitoneimodielimitiprevistidalpresente Regolamento e nel rispetto delle procedure nello stessoindicate.

  3. Lo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile potrà essere autorizzato esclusivamente nel rispetto delle seguenti condizionalità:

    a) lo svolgimento della prestazione di lavoro in modalità agile non deve in alcun modo pregiudicare o ridurre la fruizione dei servizi a favore degli utenti;

    b) l'amministrazione deve garantire un'adeguata rotazione del personale che può prestare lavoro in modalità agile, dovendo essere prevalente, per ciascun lavoratore, l'esecuzione della prestazione in presenza;

    c) l'amministrazione mette in atto ogni adempimento al fine di dotarsi di una piattaforma digitale o di un cloud o comunque di strumenti tecnologici idonei a garantire la più assoluta riservatezza dei dati e delle informazioni che vengono trattate dal lavoratore nello svolgimento della prestazione in modalità agile;

    d) il responsabile che autorizza lo svolgimento della prestazione di lavoro in modalità agile deve attestare che non sussiste accumulo di lavoro arretrato per i procedimenti in cui si collocano le attività assegnate, ovvero che è stato predisposto un piano di smaltimento del lavoro arretrato per i procedimenti in cui si collocano dette attività, da allegare quale parte integrante e sostanziale dell’accordo individuale;

    e) l'amministrazione, inoltre, mette in atto ogni adempimento al fine di fornire al personale dipendente apparati digitali e tecnologici adeguati alla prestazione di lavoro richiesta;

    f) l'accordo individuale di cui all'art. 18, comma 1, della legge 22 maggio 2017, n. 81, deve definire, almeno:

    1) gli specifici obiettivi della prestazione resa in modalità agile;

    2) le modalità e i tempi di esecuzione della prestazione e della disconnessione del lavoratore dagli apparati di lavoro, nonché eventuali fasce di contattabilità;

    3) le modalità e i criteri di misurazione della prestazione medesima, anche ai fini del proseguimento della modalità della prestazione lavorativa in modalità agile;

      g) irisultatidelleattivitàassegnate rispetto agli obiettiviprogrammati devono esseremonitorabilievalutabili, anche in termini di autonomia operativa ed organizzativa del lavoratore;

      h) deve essere assicurato il prevalente svolgimento in presenza della prestazione lavorativa dei soggetti titolari di funzioni di coordinamento e controllo, dei dirigenti e dei responsabili dei procedimenti amministrativi;

      i) nei casi in cui le misure di carattere sanitario lo richiedano, può essere prevista la rotazione del personale impiegato in presenza, nel rispetto di quanto stabilito dal presente articolo.

      Articolo 2

    Definizioni

    1. Ai fini del presente Regolamento si intende per:

      1. Lavoroagile”oSmartworking”:unamodalitàflessibilediesecuzionedel rapporto di lavoro connotata dallo svolgimento di parte dell’attività lavorativaall’esternodellasededilavoroesenzavincolodiorario,entroi soli limiti di durata del tempo di lavoro giornaliero e settimanalederivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva, con il prevalente supporto di tecnologie dell’informazione e della comunicazione che consentano il collegamento con la Provincia di Pistoia nel rispetto delle norme in materia di sicurezza e di trattamento dei datipersonali;

      2. strumenti di lavoro agile”: dotazione tecnologica necessaria per l’esecuzione della prestazione lavorativa al di fuori della sede dilavoro;

      3. sede di lavoro”: la sede abituale di servizio deldipendente;

      4. Piano Organizzativo del Lavoro Agile”: documento, redatto sulla base delle proposte avanzate dai dirigenti dell’Ente, che costituisce parte integrante del Piano Integrato di Attività e Organizzazione, assume valenza programmatoria triennale, con aggiornamentidi norma annuali, salvo mutateesigenzeorganizzative e cheindividua:

        1. leattivitàche, ricorrendo i presupposti di cui all’articolo 1, comma 3, possono essere espletate in modalità agile, indicando le relative modalità operative, le eventuali misure organizzative da adottare, la strumentazione ed i requisiti tecnologici, gli eventuali percorsi formativi del personale da attivare;

        2. il contingente di personale che può essere adibito alle attività di cui alla lettera a) ripartito per struttura organizzativa, prevedendo che almeno il 15% dei dipendenti possa avvalersi del lavoro agile;

        3. gli strumenti di rilevazione e di verifica periodica dei risultati conseguiti nelle attività di cui alla lettera a), anche in termini di miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza dell’azione amministrativa, della digitalizzazione dei processi, nonché della qualità dei servizi erogati, rilevata anche coinvolgendo i cittadini, sia individualmente, sia nelle loro forme associative;

      5. Accordo Individuale di Lavoro Agile”: accordo che, in coerenza con quanto previsto nel Piano Organizzativo del Lavoro Agile di cui alla lettera d), disciplina l’esecuzione della prestazione lavorativa svolta all’esterno dei locali dell’amministrazione e deve contenere almeno i seguenti elementi essenziali:
              1. la durata dell’accordo, di norma annuale con possibilità di rinnovo;

              2. il processo e la specifica attività da espletare in modalitàagile;

              3. le modalità di svolgimento della prestazione lavorativa fuori dalla sede abituale di lavoro, con specifica indicazione delle giornate di lavoro da svolgere in sede e di quelle da svolgere a distanza;

              4. la strumentazione tecnologica necessaria allo svolgimento dell’attività lavorativa fuori dalla sede dilavoro;

              5. le modalità di recesso, che deve avvenire con un termine non inferiore a trenta giorni salve le ipotesi previste dall’art. 19 della Legge n. 81/2017;

              6. le ipotesi di giustificato motivo di recesso;

              7. i tempi di riposo del lavoratore che, su base giornaliera o settimanale, non potranno essere inferiori a quelli previsti per i lavoratori in presenza nonché le misure tecniche e organizzative necessarie per assicurare la disconnessione del lavoratore dalle strumentazioni tecnologiche di lavoro;

              8. gli obblighi connessi all’espletamento dell’attività in modalità agile;

              9. le modalità di esercizio del potere direttivo e di controllo del datore di lavoro sulla prestazione resa dal lavoratore all’esterno dei locali dell’amministrazione, nel rispetto di quanto disposto dall’art. 4 della legge 20.5.1970 n. 300 e s.m.i.;

              10. gli indicatori per la valutazione del progetto e i relativi risultati attesi.

    Articolo 3

    Obiettivi

    1. Il lavoro agile risponde alle seguentifinalità:

      1. favorire, attraverso lo sviluppo di una cultura gestionale orientata al risultato, un incremento di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa;

      2. promuovere una visione dell’organizzazione del lavoro ispirata ai principi della flessibilità, dell’autonomia e dellaresponsabilità;

      3. ottimizzare la diffusione di tecnologie e competenzedigitali;

      4. rafforzare le misure di conciliazione tra tempi di vita e di lavoro dei dipendenti;

      5. promuovere la mobilità sostenibile tramite la riduzione degli spostamenti casa-lavoro-casa;

      6. riprogettare gli spazi di lavoro realizzando economie digestione.

     

    Articolo 4

    Destinatari

    1. Il lavoro agile può riguardare personale dipendente della Provincia di Pistoia, sia a tempo indeterminato che determinato, a condizione che le attività alle quali è assegnato siano individuate fra quelle che possono essere espletate in modalità agile dal Piano Organizzativo del Lavoro Agile di cui all’articolo 2, comma 1, lettera d) e nei limiti del contingente numerico previsto per ogni figura professionale.

    2. In caso di nuove assunzioni, lo svolgimento dell’attività lavorativa in modalità agile potrà avvenire solo in occasione dell’adeguamento del Piano Organizzativo del Lavoro Agile e secondo le procedure di cui all’art. 5.

    3. Sono comunque esclusi dal lavoro agile i lavori in turno e quelli che richiedono l’utilizzo costante di strumentazioni non remotizzabili.

    Articolo 51

    Procedure

    1. L’accesso al lavoro agile avviene su basevolontaria.

    2. Il Piano Organizzativo del Lavoro Agile di cui all’articolo 2, comma 1, lettera d), redatto sulla base delle proposte avanzate dai dirigenti dell’Ente, è parte integrante del Piano Integrato di Attività ed Organizzazionedell’Ente. Il Piano Organizzativo è pubblicato sulla rete Intranet per un periodo di norma non inferiore a quindici giorni, unitamenteadunavvisofinalizzatoaraccogliereeventualimanifestazioni di interesse da parte del personale della Provincia diPistoia.

    3. Il dipendente in possesso dei requisiti di cui all’art. 4cheintende essere adibito alle attività che, presso la struttura di assegnazione, possono essere espletate in modalità agile presentaaldirigente della struttura di appartenenza, o al Segretario Generale se dipendente con qualifica dirigenziale, nei termini indicati dall’avviso, una manifestazione di interesse, secondo il modello allegato all’avvisostesso.

    4. Il dirigente della struttura di appartenenza del dipendente, verificatoil ricorrere di tutte le condizioni di legge e del presente Regolamento predispone, di concerto con il Responsabile di posizione organizzativa cui il dipendente è assegnato e in accordo con quest’ultimo, in coerenza con i contenuti del Piano Organizzativo del Lavoro Agile di cui al comma 2, una proposta di Accordo Individuale di Lavoro Agile di cui all’articolo 2, comma 1, lettera e) da trasmettere al dirigente della struttura competente in materia di personale.

    5. Nel caso in cui pervengano manifestazioni di interesse da parte del personale assegnato alla propria struttura in numero superiore ai posti disponibili per l’accesso al lavoro agile, ciascun dirigente è tenuto a riconoscere le priorità stabilite dalle disposizioni di legge vigenti. Per i posti ancora disponibili fatta applicazione delle disposizioni sopra richiamate, il dirigente utilizza i seguenti criteri di scelta e in tale ordine di priorità nel valutare quali progetti autorizzare:

      1. a. lavoratore in situazione di disabilità psico-fisica ovvero in particolare situazione patologica, anche transitoria, rispetto alla quale la durata della permanenza in ambiente di lavoro derivante dalla prestazione lavorativa ordinaria o il raggiungimento della sede di lavoro espone maggiormente a rischio di aggravamenti o ricadute (c.d. lavoratori fragili). Tali situazioni devono essere documentante attraverso la produzione di certificazione proveniente da medici di una struttura pubblica;

        b. stato di gravidanza o esigenze di cura di figli minori conviventi, con priorità nei casi di età inferiore del figlio;

        c. maggiore tempo di percorrenza per raggiungere la sede di lavoro, con riferimento al numero di chilometri di distanza dall’abitazione del lavoratore.

        I requisiti sopra elencati devono essere posseduti al momento della presentazione della manifestazione d’interesse.

        Nel caso in cui i posti disponibili della struttura non consentano la tutela integrale delle situazioni sopra elencate, il dirigente, salvo che non ostino esigenze di carattere organizzativo, articola la durata dei progetti individuali in modo da consentire una alternanza tra situazioni individuali ascrivibili alla stessa casistica.

      2. Nel caso in cui la manifestazione di interesse a svolgere lavoro agile riguardi il personale con qualifica dirigenziale, la proposta di Accordo Individuale di Lavoro Agile è formulata dal Dirigente interessato e, previo nulla osta del Presidente, è approvata secondo le modalità indicate al comma 6.

      3. Gli Accordi Individuali di Lavoro Agile sono sottoscritti digitalmente in formato PadES, salvo indisponibilità della firma digitale, dal dipendente interessato e dal dirigente della struttura di assegnazione di quest’ultimo e, se relativi al personale con qualifica dirigenziale, dal Presidente e dal dirigente interessato e prendono avvio, di norma, il primo gennaio di ciascunanno.

      4. Gli Accordi Individuali Lavoro Agile e le eventuali successive modifiche sono trasmessi in formato digitale tempestivamente alla struttura competente in materia di personale per le comunicazioni di cui all’art. 23, comma 1, della L. n. 81/2017, unitamente alle ulteriori informazioni eventualmente necessarie per dette comunicazioni.

       

      Articolo 6

      Modalità di svolgimento della prestazione lavorativa

       

      1. Leconcretemodalitàdisvolgimentodellaprestazionedilavoroagilesono definitenel l’Accordo Individuale di Lavoro Agiledicuiall’articolo2,comma 1, lettera e), nel rispetto di quanto previsto dal presentearticolo.

      2. Il dipendente ammesso al lavoro agile può svolgere la prestazione al di fuori della sede di lavoro compatibilmente con le esigenze organizzative della struttura di assegnazione, garantendo la prevalenza dell’esecuzione della prestazione in presenza. La prevalenza del lavoro in presenza può essere raggiunta anche nella media della programmazione plurimensile.

      3. La prestazione in lavoro agile avviene senza vincolo di orario, entro i soli limitididuratadeltempodilavorogiornalieroesettimanalederivantidalla legge e dalla contrattazionecollettiva.

      4. Nell'arco della giornata svolta in lavoro agile, illavoratore,inognicaso,deverendersicontattabileperalmenocinqueo sei ore, anche non continuative, rispettivamente nelle giornate senza o con rientro pomeridiano.Le fasce di contattabilità sono definite in accordo con il Responsabile di posizione organizzativa della struttura di assegnazione tenuto conto del principio di compresenza e in funzione di un’efficace interazione con l’ufficio di assegnazione e un ottimale svolgimento della prestazione lavorativa. Durante la fascia di contattabilità è riconosciuta, ove ne ricorrano i relativi presupposti, la fruizione deipermessiorariprevistidaicontratticollettiviodallenormedilegge.

      5. L’attività lavorativa non può essere svolta, nella medesima giornata, salvo motivate esigenze organizzative, in modalità agile frazionata con l’effettuazione in presenza di parte delle ore lavorative e il completamento dell’orario di lavoro in modalità agile.

      6. Durante le giornate di lavoro agile, le comunicazioni scritte da parte della Provincia di Pistoia, in adempimento di norme di legge o regolamentari, sonoprevalentementeeffettuatetramitesupportitelematicioinformatici, in particolare la postaelettronica.

      7. Il luogo in cui espletare l’attività lavorativa in modalità agile è scelto discrezionalmente dal dipendente, nel rispetto della normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro e ferma l’osservanza delle prescrizioni in materia di protezione della rete e dei dati della Provincia di Pistoia, affinché non siano pregiudicate la tutela del lavoratore e la riservatezza dei dati cui dispone per ragionid’ufficio.

      8. Il Responsabile di posizione organizzativa cui il dipendente è assegnato si riserva di richiedere la presenza in sede del dipendente e di modificare unilateralmenteladateconcordateperillavoroagileinqualsiasimomento per sopravvenute esigenze diservizio. La comunicazione deve pervenire in tempo utile per la ripresa del servizio e, comunque, almeno il giorno prima. Il rientro in servizio non comporta il diritto al recupero delle giornate di lavoro agile non fruite.

      9. In caso di problematiche di natura tecnica e/o informatica, e comunque in ogni caso di cattivo funzionamento dei sistemi informatici, qualora lo svolgimento dell’attività lavorativa a distanza sia impedito o sensibilmente rallentato, il dipendente è tenuto a darne tempestiva informazione al proprio dirigente. Questi, qualora le suddette problematiche dovessero rendere temporaneamente impossibile o non sicura la prestazione lavorativa, può richiamare il dipendente a lavorare in presenza. In caso di ripresa del lavoro in presenza, il lavoratore è tenuto a completare la propria prestazione lavorativa fino al termine del proprio orario ordinario di lavoro.

      10. Fatte salve le fasce di cui al comma 4, al lavoratore in modalità agile è garantitoilrispettodeitempidiriposononchéildirittoalladisconnessione dalle strumentazionitecnologiche. Tali periodi comprendono la fascia di inoperabilità (disconnessione), che comprende in ogni caso il periodo di 11 ore di riposo consecutivo, nel quale il lavoratore non può erogare alcuna prestazione lavorativa.

      Articolo 7

      Trattamento giuridico eeconomico

       

      1. La Provincia di Pistoia garantisce che i dipendenti che si avvalgono delle modalità di lavoro agile non subiscano penalizzazioni ai fini del riconoscimento della professionalità e della progressione dicarriera.

      2. L’assegnazione del dipendente al lavoro agile non incide sulla natura giuridica del rapporto di lavoro subordinato in atto, che rimane regolatodallenormelegislativeedaicontratticollettividilavoronazionali eintegrativi.

      3. Il lavoratore può richiedere, ove ne ricorrano i relativi presupposti, la fruizione dei permessi previsti dai contratti collettivi o dalle norme di legge quali, a titolo esemplificativo, i permessi per particolari motivi personali o familiari, i permessi sindacali di cui al CCNQ 4.12.2017 e s.m.i, i permessi per assemblea, i permessi di cui all’art. 33 della Legge n. 104/1992.

      4. Ai fini del pieno riconoscimento dei diritti sindacali previsti dalla vigente normativa, la Provincia di Pistoia garantisce ai dipendenti in lavoroagile, le medesime possibilità di comunicazione in via telematica con la RSU,coniRappresentantisindacaliaziendalieconiRappresentanti dei lavoratori per lasicurezza.

      5. La prestazione lavorativa resa in modalità agile è integralmente consideratacomeserviziopariaquelloordinariamenteresopressolesedi abituali ed è utile ai fini della progressione in carriera, del computo dell’anzianità di servizio, nonché dell’applicazione degli istituti relativi al trattamento economicoaccessorio.

      6. Per effetto della distribuzione flessibile del tempo di lavoro, nellegiornate di lavoro agile non è riconosciuto il trattamento di trasferta e non sono configurabili prestazioni straordinarie, notturne ofestive.

      7. Nellegiornatedilavoroagileildipendentenonhadirittoall’erogazionedel buonopasto.

       

      Articolo 8

      Strumenti e sicurezza deidati

       

      1. Per le attività da remoto sono utilizzate strumentazioni tecnologiche, di norma fornite dall’amministrazione, in grado di garantire la protezione delle risorse aziendali a cui il lavoratore deve accedere. In alternativa, previo accordo con il datore di lavoro, possono essere utilizzate anche dotazioni tecnologiche del lavoratore che rispettino i requisiti di sicurezza.

      2. L’Accordo Individuale di Lavoro Agiledicuiall’articolo2,comma1,lettera e)definisce,tenutocontodell’attivitàdasvolgereinlavoroagile,la dotazione informatica necessaria, di proprietà dell’Amministrazione o del dipendente i cui standard sono verificati per ragioni di sicurezza e protezione dellarete.

      3. La Provincia di Pistoia provvede a rendere disponibili modalità e tecnologie idonee ad assicurare l'identificazione del dipendente in lavoro agile e a consentire allo stesso l’accesso da remoto alla postazione di lavoro e ai sistemi applicativi necessari allo svolgimento dell’attività in modalitàagile.

      4. Restano in ogni caso a carico del dipendente le spese relative al collegamento da remoto e ai consumielettrici.

      5. Alla postazione di lavoro agile sono applicati i normali protocolli di sicurezza previsti nell'ambito dei piani per il trattamento dei dati e per la salvaguardia della loro integrità e riservatezza, nel rispetto di standard di sicurezza equivalenti a quelli garantiti alle postazioni lavorative presenti nei locali della Provincia diPistoia.

      6. A tutti gli adempimenti tecnici di cui ai commi precedenti provvede il Responsabile della struttura competente in materia di informatica, anche ai fini del rilascio del parere di fattibilità di cui all’articolo 5, comma6.

      7. Il dipendente in lavoro agile è tenuto al rispetto della normativa inerente il segreto d’ufficio e della normativa inerente la protezione deidati personali di cui al decreto legislativo n. 196 del2003.

      Articolo 9

      Sicurezza sul lavoro

       

      1. La Provincia di Pistoia, tramite il soggetto designato quale datore di lavoro, assume gli atti ed i provvedimenti necessari a garantire che la prestazionedilavoroagilesisvolgainconformitàconlenormativevigenti in materia di sicurezza e salute dei lavoratori di cui al decreto legislativo n. 81 del2008.

      2. In coerenza con l’esercizio flessibile dell’attività di lavoro agile, la struttura competenteinmateria di sicurezza e salute dei lavoratori di cui al decreto legislativo n. 81 del2008consegnaal dipendente, all’atto dell’attivazione del lavoro agile, un'informativascritta con indicazione dei rischi generali e dei rischi specifici connessi alla particolare modalità di esecuzione della prestazione lavorativa fornendo indicazioni utili al pieno rispetto della normativavigente.

      3. OgnilavoratorecollaboraproficuamenteediligentementeconlaProvincia di Pistoia al fine di garantire un adempimento sicuro e corretto della prestazionelavorativa.

      4. La Provincia di Pistoia garantisce ai dipendenti in lavoro agile idonea copertura assicurativa nelle forme dilegge.

       

      Articolo 10

      Valutazione della performance

       

      1. L’adozione di modalità di lavoro agile è oggetto di valutazione nell’ambito dei percorsi di misurazione della performance organizzativa eindividuale.

       

      Articolo 11

      Recesso

      1. Il recesso dall’accordo e la conseguente interruzione del progetto prima della sua naturalescadenza sono consentiti:

          1. nel caso di richiesta motivata del dipendente, rispetto alla quale il relativo Responsabile di posizione organizzativa esprima parere favorevole, tramite accordo tra il dirigente della struttura di appartenenza e il dipendente. L’accordo definisce il termine per la ripresa del servizio in modalità ordinaria;

          2. su iniziativa del dirigente della struttura di appartenenza del dipendente che, a seguito di segnalazione del Responsabile di posizione organizzativa cui il dipendente è assegnato, recede dall’accordo:

            1. con effetto immediato, nel caso in cui l’efficienza e l’efficacia delle attività svolte dal dipendente non sia rispondente ai parametristabiliti;

            2. con un termine di preavviso che, tenuto conto della situazione organizzativa, non determini disfunzioni o ritardi, nel caso di sopravvenute esigenze di servizio che richiedano la ripresa del servizio in modalità ordinaria del dipendente.

      Articolo 12

      Monitoraggio

      1. Il dirigente della struttura presso la quale è assegnato il dipendente in lavoro agile predispone, in relazione a quanto disposto dal punto 3. dell’articolo 2, comma 1, lettera d) un idoneo sistema di monitoraggio al fine di verificare costantemente i risultati conseguiti attraverso la prestazione lavorativasvolta.

      Articolo 13

      Formazione

      1. La Provincia di Pistoia garantisce ai dipendenti che svolgono il lavoro in modalità agile le stesse opportunità formative e di addestramento, finalizzate al mantenimento e allo sviluppo della professionalità, previste per tutti i dipendenti che svolgono mansionianaloghe. Per il personale in lavoro agile sonoprevisti specifici percorsidi formazioneconriferimentoaiprofili della tutela della salute e sicurezza nei luoghi dilavoro.
         

      Articolo 14

      Entrata in vigore e norme finali

       

      1. Il presente Regolamento entra in vigore ad avvenuta esecutività del decreto che loapprova.

      2. La struttura competente in materia di personale provvede a redigere e aggiornare la modulistica utile ai fini degli adempimenti previsti dal presenteRegolamentoearenderladisponibileatuttiidipendentitramite la reteIntranet.

      3. Dall’attuazione del presente Regolamento non derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanzapubblica.

      4. Per quanto non previsto dal presente Regolamento è fatto rinvio alle disposizionilegislativeecontrattualiapplicabilialpersonaledellaProvincia diPistoia.

      5. Il presente Regolamento è pubblicato sul Sito Ufficiale della Provincia di Pistoia, nella sezione “AmministrazioneTrasparente”.

         

      1Articolo così modificato con decreto presidenziale n. 219 del 22.11.2022

      Documenti allegati
      Collegamenti