Salta al contenuto principale
13 Aprile, 2018

Adottata la Variante Generale di adeguamento ed aggiornamento del Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia

Una Tavola del P.T.C. 2018

La Provincia, lo scorso 23 Marzo, ha adottato la Variante Generale di adeguamento e aggiornamento del Piano Territoriale di Coordinamento (P.T.C.). La redazione della Variante generale del P.T.C. è stata elaborata dall’Ufficio di Piano, costituito dal gruppo di lavoro della Provincia e dai tecnici designati da ogni Comune, coordinato dal Dott. Renato Ferretti, Dirigente dell’Area di Coordinamento per le Strategie di Governance Territoriale della Provincia di Pistoia.
La Variante al P.T.C. persegue sia gli obiettivi generali definiti dal Piano d’Indirizzo Territoriale della Regione Toscana, sia gli specifici obiettivi stabiliti per il nostro territorio. L’aggiornamento del P.T.C è il frutto di un lavoro congiunto con i Comuni, realizzato attraverso l’istituzione dell’Ufficio di Piano, per redigere in accordo il Quadro conoscitivo, lo Statuto del territorio, le norme per il Territorio Rurale, la disciplina della Risorsa Idrotermale, i progetti della Rete dei Percorsi della Mobilità Dolce.
Con lo scopo di attuare una pianificazione più omogenea sui vincoli e di introdurre una pianificazione più attiva, il percorso di formazione del Quadro conoscitivo del P.T.C. è stato condiviso anche con le Autorità di Bacino e la Regione. La condivisione ha riguardato soprattutto la materia idraulica, la geomorfologia e una proposta di adeguamento del quadro conoscitivo del PIT in merito alla ricognizione dei beni paesaggistici vincolati ai sensi dell’articolo 142 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D. Lgs 42/2004), ovvero le aree tutelate per legge, quali i territori coperti da boschi, i fiumi, le montagne per la parte eccedente i 1.200 s.l.m, i territori contermini ai laghi, i parchi e le riserve nazionali e regionali, le zone umide, le zone di interesse archeologico e le zone gravate da usi civici.
La scelta di costituire l’Ufficio di Piano ha rappresentato un modus operandi nuovo ed innovativo anche al fine di costruire piani urbanistici di area vasta condivisi. Numerosi sono stati gli incontri effettuati nell’ambito del lavoro dell’Ufficio di Piano, che hanno permesso ai tecnici comunali di venire a conoscenza progressivamente del lavoro svolto dall’ufficio provinciale, e di collaborare in modo efficace, fornendo proposte e contributi.
Tanti sono stati anche gli incontri pubblici inseriti nell' attività di informazione e di partecipazione svolti dal Garante, rivolti ai cittadini ed ai portatori di interesse, durante le fasi di redazione della Variante generale al P.T.C., organizzati in specifici seminari tematici a livello di Aree Territoriali della montagna pistoiese, della piana pistoiese ed anche della Valdinievole.

Il Presidente Rinaldo Vanni ha dichiarato: “con l'attuazione del Regolamento per la protezione e gestione dei bacini idrotermali di Montecatini Terme e Monsummano Terme, approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 73 del 3.2.2014, che affida alla Provincia di Pistoia, mediante lo strumento del P.T.C., il compito di rendere operativa l' individuazione delle aree di protezione e salvaguardia, oltre ai criteri relativi all’uso e alla tutela delle risorse termali e idrotermali, si è raggiunto un risultato decisivo in termini di contenuti e non meno innovativo in termini di metodologia applicata. Altro obiettivo centrale ottenuto con la Variante al P.T.C. è l' attuazione di quanto previsto dalla normativa regionale in merito al sostegno dell'attività vivaistica e alla qualificazione e valorizzazione del sistema del verde urbano. Sono state infatti individuate le nuove aree vocate al sostegno dell’attività vivaistica con la relativa disciplina del territorio rurale. Inoltre ai fini della valorizzazione del sistema del verde urbano, il P.T.C. ha identificato le aree a verde pubblico di interesse sovracomunale che costituiscono la struttura portante del verde pubblico nei singoli comuni. Tali aree faranno parte del Piano del Verde di area Vasta, che individuerà i fabbisogni per le diverse funzioni e le nuove realizzazioni di aree verdi, da effettuare in accordo con i Comuni

Il progetto della Variante del P.T.C. è composto dai seguenti elaborati: Relazione generale, Disciplina di piano, Relazione di coerenza interna ed esterna delle previsioni di piano, Schedatura dei beni paesaggistici – proposta di aggiornamento del Quadro Conoscitivo del P.I.T., Schede di censimento delle aree escavate, Atlante degli edifici di rilevante valore storico architettonico, Atlante del paesaggio, Proposta di variante al Piano delle Aree Sciistiche Attrezzate della Montagna Pistoiese, Documento del garante dell’informazione e della partecipazione, e da n° 25 tavole cartografiche. Tutti gli elaborati sono consultabili alla pagina web unitamente alla Delibera del Consiglio Provinciale n.8 del 23/03/2018 che lo adotta.
Nei prossimi giorni verrà effettuata la formale pubblicizzazione degli atti, successivamente potranno essere presentate osservazioni allo strumento di pianificazione. Sarà cura della Provincia di Pistoia dare ampia informazione sui tempi di presentazione delle osservazioni.
INFORMAZIONE AGLI ORGANI DI STAMPA - Fonte Ufficio Presidenza - Relazioni Esterne Dott. Lucia Maionchi tel. 0573-374595  presidenza@provincia.pistoia.it

Collegamenti