Salta al contenuto principale

LA RESPONSABILE DELL'INCARICO DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA RELATIVA A “GESTIONE STRATEGICA DEL PERSONALE”
In attuazione dell'art. 48 del vigente Regolamento sull'Ordinamento degli Uffici e dei Servizi della Provincia di Pistoia, che di seguito si riporta.

Art. 48Nucleo di Valutazione
1. Il Nucleo di Valutazione, istituito in composizione monocratica, nell’esercizio delle proprie funzioni opera in posizione di autonomia e risponde direttamente al Presidente della Provincia.
2. Il componente monocratico del Nucleo di Valutazione è individuato previa procedura selettiva pubblica per valutazione curriculare ed eventuale colloquio, riservata a soggetti esterni all’Amministrazione, in possesso di diploma di laurea quadriennale, specialistica o magistrale e di specifica esperienza, maturata nel campo della gestione amministrativa, del management, della valutazione della performance e della valutazione del personale delle amministrazioni pubbliche. Il Presidente della Provincia procede alla valutazione delle candidature tramite esame del curriculum ed eventuale colloquio e individua con proprio provvedimento il soggetto cui conferire l'incarico.
3. Il componente del Nucleo di Valutazione non può essere nominato tra soggetti che:

  1. rivestano incarichi pubblici elettivi o cariche in partiti politici o in organizzazioni sindacali ovvero che abbiano rapporti continuativi di collaborazione o di consulenza con le predette organizzazioni, ovvero che abbiano rivestito simili incarichi o cariche o che abbiano avuto simili rapporti nei tre anni precedenti la nomina;
  2. abbiano svolto incarichi di indirizzo politico o ricoperto cariche pubbliche elettive presso l'Amministrazione nei tre anni precedenti la nomina;
  3. siano componenti dei Consigli di amministrazione delle società partecipate dall’Ente o abbiano ricoperto tale incarico nei tre anni precedenti la nomina;
  4. siano Responsabili della Prevenzione della corruzione presso l'Amministrazione;
  5. siano Revisori dei Conti presso l'Amministrazione;
  6. incorrano nelle ipotesi di incompatibilità e ineleggibilità previste per i Revisori dei Conti dall’art. 236 del D.Lgs. n. 267/2000;
  7. siano Magistrati o Avvocati dello Stato che svolgono le funzioni nello stesso ambito territoriale regionale o distrettuale in cui opera l'Amministrazione;
  8. siano stati condannati, anche con sentenza non passata in giudicato, per i reati previsti dal capo I del titolo II del libro secondo del Codice Penale;
  9. si trovino, nei confronti dell’Amministrazione, in una situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi propri, del coniuge, di conviventi, di parenti, di affini entro il secondo grado;
  10. abbiano svolto non episodicamente attività professionale in favore o contro l'Amministrazione;
  11. abbiano un rapporto di coniugio, di convivenza, di parentela o di affinità entro il secondo grado con il Segretario Generale, i dirigenti, con il vertice politico – amministrativo o, comunque, con l’organo di indirizzo politico – amministrativo;
  12. abbiano riportato una sanzione disciplinare superiore alla censura;
  13. siano stati motivatamente rimossi dall’incarico di Nucleo di Valutazione prima della scadenza del mandato; L’assenza delle situazioni ostative alla nomina indicate nel presente articolo deve essere oggetto di una formale dichiarazione del candidato resa nelle forme previste dal D.P.R. n. 445/2000.

4. Il Nucleo di valutazione dura in carica tre anni. Allo scopo garantire continuità funzionale negli adempimenti affidati al Nucleo, lo stesso rimane in carica fino all’insediamento del nuovo organo.
5. Il Nucleo di Valutazione svolge le seguenti funzioni:
a) fornisce supporto tecnico e metodologico all'attività di controllo strategico, di controllo di gestione e di controllo sulla qualità dei servizi dell'Ente, anche per la definizione degli indicatori per la misurazione e la valutazione degli standard prestazionali dell’Amministrazione e della qualità dei servizi pubblici dalla stessa erogati, avvalendosi a tal fine della collaborazione del Controllo di gestione, della dirigenza e del personale che opera a diretto contatto con l’utenza;
b) fornisce supporto tecnico e metodologico al Segretario Generale nel controllo successivo di regolarità amministrativa e contabile;
c) attua il monitoraggio del funzionamento complessivo del sistema di valutazione, della trasparenza e integrità dei controlli interni, comunicando tempestivamente le criticità riscontrate al Presidente e al Segretario Generale;
d) garantisce la correttezza dei processi di misurazione e valutazione, nonché dell’utilizzo degli strumenti per premiare il merito, secondo quanto previsto dal D. Lgs. n. 150/2009, dai contratti collettivi nazionali, dai contratti integrativi, dai regolamenti interni all’Amministrazione, nel rispetto del principio di valorizzazione del merito e della professionalità;
e) propone la definizione e l'aggiornamento delle metodologie per l'attribuzione della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato per gli incarichi dirigenziali e dell'Area delle posizioni organizzative;
f) propone la pesatura per la quantificazione della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato per gli incarichi dirigenziali e dell'Area delle posizioni organizzative;
g) fornisce supporto tecnico e metodologico all’attuazione delle varie fasi del ciclo di gestione della performance;
h) valida la rendicontazione della gestione e del Piano Dettagliato degli Obiettivi;
i) formula al Presidente della Provincia, sulla base del sistema di misurazione e valutazione della performance, la proposta di valutazione annuale del personale dirigente;
j) valida, avvalendosi delle risultanze del Controllo di gestione, i risparmi sui costi di funzionamento derivanti dai processi di ristrutturazione, riorganizzazione e innovazione, documentati a consuntivo dell’esercizio di riferimento, ai fini dell’incremento delle risorse disponibili per la contrattazione integrativa;
k) promuove l’assolvimento degli obblighi relativi alla trasparenza del processo di misurazione e valutazione della performance e attesta il loro avvenuto rispetto;
l) esercita di ogni altra funzione assegnata dalla normativa, dai regolamenti o dall'Organo di vertice dell'Ente. Nell'esercizio delle proprie funzioni, il Nucleo di Valutazione:

  • si raccorda con il Segretario Generale e con la dirigenza, si avvale del funzionario responsabile delle attività di supporto tecnico alle funzioni di controllo strategico e acquisisce le risultanze dell'attività di controllo di gestione, avvalendosi del funzionario responsabile di tali attività;
  • ha accesso a tutti i documenti amministrativi e può richiedere, verbalmente o per iscritto, qualsiasi informazione necessaria per l'espletamento dell'incarico.

RENDE NOTO
che l’Amministrazione intende procedere alla nomina del componente monocratico del Nucleo di Valutazione mediante avviso pubblico di ricerca, approvato con determinazione dirigenziale n. 166 del 12.3.2018

Art. 1 - Composizione
Il Nucleo di Valutazione è istituito in composizione monocratica,

Art. 2 - Competenze
Le funzioni del Nucleo di Valutazione, che saranno specificate anche nel disciplinare di incarico che il candidato individuato sarà chiamato a sottoscrivere, sono individuate dal comma 5 dall'art. 48 del vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e dei Servizi sopra citato, che di seguito si riportano:

  1. fornisce supporto tecnico e metodologico all'attività di controllo strategico, di controllo di gestione e di controllo sulla qualità dei servizi dell'Ente, anche per la definizione degli indicatori per la misurazione e la valutazione degli standard prestazionali dell’Amministrazione e della qualità dei servizi pubblici dalla stessa erogati, avvalendosi a tal fine della collaborazione del Controllo di gestione, della dirigenza e del personale che opera a diretto contatto con l’utenza;
  2. fornisce supporto tecnico e metodologico al Segretario Generale nel controllo successivo di regolarità amministrativa e contabile;
  3. attua il monitoraggio del funzionamento complessivo del sistema di valutazione, della trasparenza e integrità dei controlli interni, comunicando tempestivamente le criticità riscontrate al Presidente e al Segretario Generale;
  4. garantisce la correttezza dei processi di misurazione e valutazione, nonché dell’utilizzo degli strumenti per premiare il merito, secondo quanto previsto dal D. Lgs. n. 150/2009, dai contratti collettivi nazionali, dai contratti integrativi, dai regolamenti interni all’Amministrazione, nel rispetto del principio di valorizzazione del merito e della professionalità;
  5. propone la definizione e l'aggiornamento delle metodologie per l'attribuzione della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato per gli incarichi dirigenziali e dell'Area delle posizioni organizzative;
  6. propone la pesatura per la quantificazione della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato per gli incarichi dirigenziali e dell'Area delle posizioni organizzative;
  7. fornisce supporto tecnico e metodologico all’attuazione delle varie fasi del ciclo di gestione della performance;
  8. valida la rendicontazione della gestione e del Piano Dettagliato degli Obiettivi;
  9. formula al Presidente della Provincia, sulla base del sistema di misurazione e valutazione della performance, la proposta di valutazione annuale del personale dirigente;
  10. valida, avvalendosi delle risultanze del Controllo di gestione, i risparmi sui costi di funzionamento derivanti dai processi di ristrutturazione, riorganizzazione e innovazione, documentati a consuntivo dell’esercizio di riferimento, ai fini dell’incremento delle risorse disponibili per la contrattazione integrativa;
  11. promuove l’assolvimento degli obblighi relativi alla trasparenza del processo di misurazione e valutazione della performance e attesta il loro avvenuto rispetto;
  12. esercita di ogni altra funzione assegnata dalla normativa, dai regolamenti o dall'Organo di vertice dell'Ente.

Art. 3 - Durata dell’incarico e relativo compenso
Ai sensi del comma 4 dell'art. 48 del vigente Regolamento sull'ordinamento degli Uffici e dei Servizi, il Nucleo di Valutazione dura in carica tre anni. Allo scopo garantire continuità funzionale negli adempimenti affidati al Nucleo, lo stesso rimane in carica fino all’insediamento del nuovo organo.
Il compenso annuo è pari ad € 4.500,00 al lordo delle trattenute a carico dell’incaricato oltre al pagamento di oneri contributivi e fiscali a carico dell’Amministrazione, tale cifra verrà corrisposta sulla base delle dichiarazioni fiscali e contributive attestate dall’incaricato.

Art. 4 - Requisiti di partecipazione e cause ostative alla nomina
La presente selezione è riservata a soggetti esterni all’Amministrazione, in possesso di diploma di laurea quadriennale, specialistica o magistrale e di specifica esperienza, maturata nel campo della gestione amministrativa, del management, della valutazione della performance e della valutazione del personale delle amministrazioni pubbliche. Ai sensi del comma 3 dell'art. 48 del vigente Regolamento sull'ordinamento degli Uffici e dei Servizi, il componente del Nucleo di Valutazione non può essere nominato tra soggetti che:

  1. rivestano incarichi pubblici elettivi o cariche in partiti politici o in organizzazioni sindacali ovvero che abbiano rapporti continuativi di collaborazione o di consulenza con le predette organizzazioni, ovvero che abbiano rivestito simili incarichi o cariche o che abbiano avuto simili rapporti nei tre anni precedenti la nomina;
  2. abbiano svolto incarichi di indirizzo politico o ricoperto cariche pubbliche elettive presso l'Amministrazione nei tre anni precedenti la nomina;
  3. siano componenti dei Consigli di amministrazione delle società partecipate dall’Ente o abbiano ricoperto tale incarico nei tre anni precedenti la nomina;
  4. siano Responsabili della Prevenzione della corruzione presso l'Amministrazione;
  5. siano Revisori dei Conti presso l'Amministrazione;
  6. incorrano nelle ipotesi di incompatibilità e ineleggibilità previste per i Revisori dei Conti dall’art. 236 del D.Lgs. n. 267/2000;
  7. siano Magistrati o Avvocati dello Stato che svolgono le funzioni nello stesso ambito territoriale regionale o distrettuale in cui opera l'Amministrazione;
  8. siano stati condannati, anche con sentenza non passata in giudicato, per i reati previsti dal capo I del titolo II del libro secondo del Codice Penale;
  9. si trovino, nei confronti dell’Amministrazione, in una situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi propri, del coniuge, di conviventi, di parenti, di affini entro il secondo grado;
  10. abbiano svolto non episodicamente attività professionale in favore o contro l'Amministrazione;
  11. abbiano un rapporto di coniugio, di convivenza, di parentela o di affinità entro il secondo grado con il Segretario Generale, i dirigenti, con il vertice politico – amministrativo o, comunque, con l’organo di indirizzo politico – amministrativo;
  12. abbiano riportato una sanzione disciplinare superiore alla censura;
  13. siano stati motivatamente rimossi dall’incarico di Nucleo di Valutazione prima della scadenza del mandato; L’assenza delle situazioni ostative alla nomina indicate nel presente articolo deve essere oggetto di una formale dichiarazione del candidato resa nelle forme previste dal D.P.R. n. 445/2000.

Art. 5 - Domanda di ammissione e documentazione da allegare
Ai fini della valutazione delle candidature gli aspiranti dovranno far pervenire la domanda, debitamente sottoscritta a pena di esclusione, redatta su apposito modulo allegato al presente avviso, corredata da:

  1. Curriculum vitae in formato europeo firmato in originale, che dettagli con cura i titoli, la competenza e le esperienze professionali svolte.
  2. Dichiarazione dell’assenza delle cause ostative alla nomina indicate al comma 3 dell'art. 48 del vigente Regolamento sull'ordinamento degli Uffici e dei Servizi
  3. Copia fotostatica (fronte retro) di un documento di identità in corso di validità.

La proposta di candidatura indirizzata al Presidente della Provincia di Pistoia, Piazza San Leone, 1 – 51100 Pistoia dovrà pervenire perentoriamente entro 15 giorni dalla pubblicazione all'Albo pretorio on line della Provincia di Pistoia. Qualora detto termine scada in giorno festivo, la scadenza è prorogata di diritto al primo giorno non festivo. Detta candidatura dovrà pervenire esclusivamente secondo una delle seguenti modalità:

  • presentazione diretta - presso la Portineria della Provincia di Pistoia, Piazza San Leone, 1 – Pistoia, (dalle 8.00 alle 19.00 dal lunedì al venerdì). La data di presentazione della domanda è stabilita dal timbro a data di entrata della Provincia di Pistoia, che viene rilasciato presso la Portineria, all’indirizzo e negli orari sopra specificati.
  • Inviata per mezzo del servizio postale con raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata all’Amministrazione Provinciale di Pistoia Piazza San Leone, 1 – 51100 Pistoia. Sulla busta contenente la domanda il candidato deve riportare il proprio nome, cognome, indirizzo e l'indicazione “Contiene candidatura al Nucleo di Valutazione della Provincia di Pistoia”.
  • Invio tramite posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo: provincia.pistoia@postacert.toscana.it. Ai sensi dell'art. 65, comma 1, c-bis del D. Lgs. n. 82/2005, l'invio tramite PEC può avvenire unicamente da indirizzo di Posta Elettronica Certificata personale le cui credenziali di accesso siano state rilasciate previa identificazione del titolare. In tal caso il candidato dovrà inviare la domanda e il curriculum, debitamente sottoscritti con firma autografa o digitale, in formato pdf. Analogo formato dovrà essere adottato per la documentazione allegata alla domanda. La PEC deve contenere nell'oggetto: nome e cognome della/del candidata/o e la dicitura “Candidatura al Nucleo di Valutazione della Provincia di Pistoia. L’inoltro telematico della domanda in modalità diverse non sarà ritenuto valido. La domanda deve essere inviata entro e non oltre il termine di scadenza previsto dal presente Avviso: a tal fine fa fede la data e l'ora certificata dal gestore della PEC.

Saranno accettate solo le domande pervenute con le modalità ed entro i termini suddetti. L'Amministrazione non assume alcuna responsabilità per il mancato o tardivo recapito delle domande imputabile a disguidi tecnici, a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore, indipendentemente dalla modalità prescelta per la presentazione delle domande stesse.

Art. 6 - Esclusione
Non saranno prese in considerazione comportando l'automatica esclusione le candidature:
- inviate o presentate oltre il termine perentorio sopra indicato al punto 5; - prive della firma autografa o digitale; - prive degli allegati presentati con le modalità indicate al punto 5.

Art. 7 - Processo comparativo e nomina del Nucleo di Valutazione
Le domande pervenute nel termine previsto dal presente avviso saranno istruite dalla funzione Personale che provvederà con apposito atto all'ammissione/esclusione dei candidati alla/dalla presente procedura.
Per i soli candidati ammessi, il Presidente della Provincia procederà a valutazione comparativa, mediante l'esame dei curricula pervenuti in relazione alla coerenza delle qualità professionali rispetto ai contenuti dell'incarico da conferire e tenuto conto del principio delle pari opportunità di genere. Sarà sua facoltà richiedere un colloquio di approfondimento, in relazione agli ambiti professionalità ed esperienza maturata nel campo della gestione amministrativa, del management, della valutazione della performance e della valutazione del personale delle amministrazioni pubbliche. Il procedimento attivato ha natura ricognitiva al solo fine di formare una lista di merito, in relazione alle specificità segnalate nelle candidature; non si procederà comunque all'attribuzione di punteggio, né alla formazione di alcuna graduatoria. La presentazione delle candidature non vincola in alcun modo l’Amministrazione. In caso di sostituzione del Nucleo di Valutazione, l’Amministrazione si riserva di non attingere dalle candidature pervenute ai fini dell’individuazione del nuovo componente. In caso di nomina, la Provincia di Pistoia si riserva di verificare il possesso dei requisiti dichiarati ovvero l'assenza di impedimenti di cui al presente avviso.

Art. 8 - Informazioni di carattere generale
Tutte le volte che si fa riferimento al “candidato”, si intende dell'uno e dell'altro sesso a norma della L. 10 aprile 1991 n. 125, così come modificata dal D.Lgs. 11 aprile 2006 n. 198, che garantisce la parità uomo-donna nel lavoro. L’Amministrazione si riserva la facoltà per giustificati motivi di sospendere, revocare o modificare, in tutto o in parte, il presente avviso prorogare o riaprire il termine per la presentazione delle domande . Ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 si informano i candidati che i dati dichiarati saranno utilizzati esclusivamente per le finalità di gestione del presente avviso e saranno trattati successivamente per le finalità inerenti, nel rispetto della normativa specifica. Ciascun candidato gode dei diritti di cui all’art. 7, 8, 9 e 10 del sopra citato D.Lgs. n. 196/2003. Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 8 della L. n. 241/1990, si informa che il Responsabile del procedimento e del trattamento dei dati relativi all'Avviso in oggetto è la Responsabile dell'incarico di Posizione Organizzativa relativa aGestione strategica del personale”, Dr.ssa Ilaria Ambrogini.

Per eventuali informazioni contattare:
Dr.ssa Ilaria Ambrogini: 0573/374274 - i.ambrogini@provincia.pistoia.it
Dr.ssa Chiara Guastini: 0573/374321 - c.guastini@provincia.pistoia.it

Documenti allegati