Salta al contenuto principale
30 Agosto, 2017

Garante dell’informazione e della partecipazione

Il Garante della comunicazione e della partecipazione ha il compito di assumere e promuovere iniziative finalizzate a garantire ai cittadini, singoli e associati, ed alle istituzioni, una appropriata informazione ed una effettiva ed efficace partecipazione, nelle fasi di formazione degli strumenti della pianificazione territoriale e degli atti di governo del territorio.
Per strumenti della pianificazione territoriale si intendono il Piano Territoriale di Coordinamento e sue varianti.
Per atti di governo del territorio si intendono i piani ed i programmi di settore, gli accordi di programma e gli altri atti della programmazione negoziata, qualora incidano sull'assetto costituito della pianificazione territoriale in vigore, determinando modifiche o variazioni.

Riferimenti Normativi
LEGGE REGIONALE 10/11/2014 N.65 - NORME PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO
(pubblicato sul Bollettino Ufficiale n.53, parte prima, del 12.11.2014) Omissis...........
Capo V – Gli istituti della partecipazione 
omissis........... Art. 36 - L’informazione e la partecipazione dei cittadini alla formazione degli atti di governo del territorio. Regolamento
omissis...........
2 - La Regione, le province, la città metropolitana e i comuni assicurano l'informazione e la partecipazione dei cittadini e di tutti i soggetti interessati alla formazione degli atti di governo del territorio di loro competenza nell'ambito dei procedimenti di cui al titolo II, capi I e II e al titolo III, capo I...
3. I risultati delle attività di informazione e partecipazione poste in essere nell'ambito dei procedimenti di formazione degli atti di governo del territorio contribuiscono alla definizione dei contenuti degli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica, secondo le determinazioni motivatamente assunte dall'amministrazione precedente.
omissis........... Art. 37 - Il garante dell’informazione e della partecipazione 
1. Ai fini di cui all’art. 36, la Regione, le province, la città metropolitana e i comuni con popolazione superiore a 20 mila abitanti istituiscono un proprio garante dell’informazione e della partecipazione, disciplinandone le funzioni con riferimento al regolamento di cui all’articolo 36, comma 4.
2. I comuni con popolazione non superiore a 20 mila abitanti individuano un garante dell’informazione e della partecipazione disciplinandone le funzioni con riferimento al regolamento di cui all’articolo 36, comma 4.
3. Non possono rivestire il ruolo di garante dell’informazione e della partecipazione gli amministratori dell’ente, i consiglieri regionali, provinciali e comunali, il responsabile del procedimento e il progettista dell’atto di governo del territorio. Art. 38 - Funzioni del garante dell’informazione e della partecipazione 
1. Nell’ambito delle competenze della Regione, delle province, della città metropolitana e dei comuni, ai fini della formazione degli atti di loro rispettiva pertinenza, il garante dell’informazione e della partecipazione assume ogni necessaria iniziativa, nelle diverse fasi procedurali di formazione degli atti di governo del territorio, per l’attuazione del programma di cui all’articolo 17, comma 3, lettera e), e per assicura re l’informazione e la partecipazione dei cittadini e di tutti i soggetti interessati. A tal fine la Regione, le province, la città metropolitana e i comuni, e assicurano che la documentazione relativa agli atti di governo del territorio risulti adeguata alle esigenze dell’informazione e della partecipazione secondo le linee guida di cui all’articolo 36, comma 4.
2. Il garante dell’informazione e della partecipazione redige un rapporto sull’attività svolta, indicando le iniziative poste in essere in attuazione del programma di cui all’articolo 17, comma 3, lettera e), ed evidenziando se le attività relative all’informazione e alla partecipazione della cittadinanza e delle popolazioni interessate abbiano prodotto risultati significativi ai fini della formazione degli strume nti della pianificazione territoriale e degli strume nti della pianificazione urbanistica da sottoporre all’adozione degli organi competenti. Della pubblicazione del rapporto sull’attività svolta è data comunicazione al Garante regionale dell’informazione e della partecipazione di cui all’articolo 39.
3. A seguito dell'adozione degli atti di governo del territorio, il garante dell'informazione e della partecipazione promuove le ulteriori attività di informazione necessarie nell'ambito delle procedur e di cui all'articolo 20